RAI Vs FEDEZ, e il terzo incomodo

-

Se fossimo a teatro, sicuramente assisteremmo ad un piece del Teatro dell’Assurdo. Assurdo ovviamente per il comportamento della RAI, che nonostante una comunicazione che gira, dove si legge che non c’è nessuna censura, e nessuna richiesta di leggere prima i testi degli interventi, attacca Fedez. La RAI continua a negare e Fedez, pubblica sui suoi canali social la telefonata con un dirigente RAI dove si sente chiaramente, quello che sembrerebbe un invito alla cautela, ma che invece è un vero atto di voler censurare il discorso di Fedez. Ma Fedez, assumendosi tutte le responsabilità di quello che ha scritto, è andato avanti per la sua strada. È stato un gran bel momento, grazie Federico. Capisco che il potere social che Fedez e la moglie Chiara Ferragni hanno, spaventa tutti , anche la grande RAI. Sono circa 30 milioni le persone che li seguono sui social e questo ovviamente non piace alle stanze dei poteri, Anche, e soprattutto, ai poteri politici. In quello che ha detto Fedez non c’è nulla di offensivo e denigratorio verso le persone citate. Persone che hanno detto delle cose ignobili nei confronti degli omosessuali, che neanche ai tempi di Khomeini. Ha fatto nomi e cognomi di politici che hanno affermato, “Se avessi un figlio gay lo brucerei”, che “i gay sono una sciagura per la conservazione della specie”, e tanto altro. Lo scalpore dipende solo da un fatto vero e reale, i nomi fatti, autori di queste degradanti scempiaggini, sono tutti appartenenti alla lega di Salvini. Quindi la RAI è di destra? Ho questo sospetto da un po di tempo, e questo atteggiamento conferma che non è solo un sospetto. Ma nel teatrino c’è, come quasi sempre, il terzo incomodo, il solito Matteo Salvini. In un post dedicato a quanto avvenuto Salvini invita Fedez a prendere un caffè assieme. Scrive anche “Adoro la libertà. Adoro la musica, l’arte e il sorriso. Adoro e difendo la libertà di pensare, di scrivere, di amare. Ognuno può amare chi vuole, quanto vuole, e chi discrimina o aggredisce va punito come previsto dalla legge. È già così per fortuna. Chi aggredisce un omosessuale o un eterosessuale, un bianco o un nero, un cristiano o un buddista, un giovane o un anziano rischia fino 16 anni di carcere. È già così “. Questo è la parte buona, anche se sa di falso come una moneta da tre euro, poi viene fuori il vero Salvini, che non voglio citare. Il suo post è visibile sulla pagina Facebook. Caro Salvini, i tuoi compagni di merenda in quale categoria li mettiamo? Le parole che hanno detto, fanno molto più male di una scarica di botte, e quindi andrebbero puniti. Ma pur affermando che “È già così”, ovviamente non verranno puniti. Voglio ricordare che lo stesso Salvini, a riguardo alla trasmissione Felicissima Sera ha elogiato molto Pio e Amedeo nel loro assurdo teatrino sull’uso e sulle intenzioni delle parole. Parole che guarda caso sono le stesse che Nino Spirlì, governatore FF della Calabria, e Leghista, ha detto a Catania, durante un comizio di sostegno, allo stesso Salvini pef l’affare Open Arms. Infatti in un suo post ha pubblicato “Giù le mani da Pio e Amedeo.” Chi ha il coraggio di ridere, è padrone del mondo “. Caro Giacomo Leopardi scusa Salvini perché non sa ne quel che fa ne quello che dice.

Salvatore Caracciolohttps://www.casacaracciolo.it
Un Blog a 70 anni? Chissà quante persone si faranno questa domanda. Chi si crede di essere, diranno altri. Che presuntuoso, diranno in coro alcuni. Tranquilli, dico a tutti, non racconterò nulla, e non dirò niente su tante cose, anche se ne avrei da raccontare su molti. Continua

Articoli recenti

Categorie Popolari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti