Gli Oscar Italiani, Seconda Parte

-

Gli Italiani hanno dato molto al cinema americano. E non solo perché molti attori e registi molto famosi sono di origine italiana. L’Italia, da sempre ha dato parecchi contributi fondamentali alla cinematografia Hollywoodiana. Contributi che hanno caratterizzato capolavori assoluti. Oltre ai grandi interpreti e registi, molti Premi sono stati vinti da scenografi e costumisti, musicisti, direttori della fotografia, creatori e inventori di “creature”, sceneggiatori. E sono veramente tanti. Milena Canonero ha vinto quattro statuette per i costumi per film che sono nella storia del cinema. Nel 1976, il primo, con il capolavoro di Stanley Kubrick, Barry Lindon. Nel 1982 Momenti di Gloria vince come Miglior Film, e la Canonero vince il secondo Oscar. Di nuovo nel 2007 con i costumi di Marie Antoinette, e nel 2015 per Grand Hotel Budapest.La categoria dei Migliori Costumi è da sempre una prerogativa molto italiana. Infatti altri grandi costumisti italiani fanno parte della Storia del cinema. Danilo Donati, due volte vincitore, nel 1969 con Romeo e Giulietta di Zeffirelli, e nel 1971 per il Casanova di Fellini. Gabriella Pescucci firma i costumi nel 1994 del capolavoro di Scorsese, L’età dell’innocenza. Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo hanno avuto fino ad ora 9 candidature al Premio come scenografi , vincendolo per tre volte, nel 2005 per The Aviator diretto da Martin Scorsese, nel 2008 col film Sweeney Todd con la regia di Tim Burton, e di nuovo con un film di Scorsese, Hugo Cabret nel 2012. Un altro Grande Italiano, Carlo Rambaldi ha creato alcuni “personaggi” che hanno fatto sognare milioni di persone, che gli hanno fatto vincere il Premio per tre volte. Nel 1977 per King Kong, nel 1980 per Alien, e nel 1983 con la creatura più famosa E.T..

Anche la musica ha avuto molti riconoscimenti. Ad iniziare da Ennio Morricone, che ha firmato tantissimi capolavori, ma il Premio lo ha vinto solo nel 2016 col film di Tarantino The Hateful Eight, ben nove anni dopo l’Oscar alla carriera assegnatogli dall’Accademy nel 2007.Nicola Piovani lo vinse nel 1999 con La Vita è Bella, unico film italiano ad aver vinto tre Oscar. Nel 1996 Luis Bacalov firma la colonna sonora de Il Postino, ma è polemica. Il tema centrale era una musica scritta da Sergio Endrigo. Il grande Nino Rota vinse la statuetta con Il Padrino Parte II nel 1974, anche se il Tema conosciuto in tutto il mondo è quello del Il Padrino del 1972 anche se la musica era di un altro film. Infatti è lo stesso tema musicale del film Fortunella, diretto da Eduardo De Filippo nel 1957 interpretato da Giulietta Masina e Alberto Sordi. Un altro grande musicista è sicuramente Giorgio Moroder che nel 1978 firma la colonna sonora, e vince il suo primo Oscar per Fuga di Mezzanotte. Mentre per la migliore Canzone, nel 1983 è di nuovo vincitore per il film che ha fatto ballare tutto il mondo, Flashdance, e ancora nel 1986 Miglior Canzone per Top Gun. Nel 2008 è la volta del musicista pisano Dario Marianelli che vince per il film Espiazione, mentre nel 2009 Michael Giacchino, compositore americano con cittadinanza italiana, vince con la colonna musicale del film d’animazione Up, che vince anche nella categoria, miglior film d’animazione.

Nella categoria Attori e Attrici, siamo parecchio carenti. Solo due attrici sono state candidate, Anna Magnani che vince l’Oscar per La Rosa Tatuata nel 1956, viene di nuovo Candidata nel 1957 per Selvaggio è il vento, e Sophia Loren nel 1962 con La Ciociara. La Loren fu ricandidata nel 1965 per Matrimonio all’Italiana. Come Miglior Attore solo quattro candidati. Marcello Mastroianni è stato nominato tre volte. Nel 1961 per Divorzio all’Italiana, nel 1978 per Oci Ciornie, e nel 1987 per il capolavoro assoluto Una Giornata Particolare. Purtoppo non vinse mai. Non hanno vinto neanche Giancarlo Giannini nel 1977 per Pasqualino Settebellezze, e Massimo Troisi candidato nonostante la sua scomparsa, per Il Postino. L’unico vincitore è stato Roberto Benigni nel 1999 per La Vita è Bella. CONTINUA.

Salvatore Caracciolohttps://www.casacaracciolo.it
Un Blog a 70 anni? Chissà quante persone si faranno questa domanda. Chi si crede di essere, diranno altri. Che presuntuoso, diranno in coro alcuni. Tranquilli, dico a tutti, non racconterò nulla, e non dirò niente su tante cose, anche se ne avrei da raccontare su molti. Continua

Articoli recenti

Categorie Popolari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti