Il teatro che vorrei

-

Le locandine del Teatro Rendano di Cosenza

Facebook mi ha ricordato alcune foto scattate un po’ di tempo fa al Teatro Rendano di Cosenza . Sono locandine degli spettacoli che sono stati sul palcoscenico cosentino negli anni ,e incollate su una parete. Moltissimi è quegli spettacoli li ho visti .Gli anni 80 e 90 sono stati ,per il Teatro Rendano ,anni d’oro. I più grandi spettacoli ,con prestigiosi interpreti erano di casa . Salvo Randone ,Pupella Maggio, Franca Valeri ,Valeria Valeri ,Turi Ferro ,Massimo Ranieri, Valeria Moriconi, Beppe Barra, Teresa De Suo, Ave Ninchi, Rossella Falk , Giuseppe Pambieri, Cochi e Renato, Loretta Goggi , Franco Branciaroli, Ottavia Piccolo , Gabriele Lavia, Monica Guerritore, Umberto Orsini ,Adriana Asti ,Isa Danieli Luca De Filippo ,Lina Sastri,solo per citarne alcuni .Ho assistito a spettacoli memorabili ,come I Malavoglia , Enrico IV, La Venexiana, Sinfonia d’Autunno, I Masnadieri, Notturno di donna con Ospiti , Filumena Marturano. Un periodo bellissimo è stato quello con il Piccolo Teatro di Milano , con spettacoli di Giorgio Strehler e di Luca Ronconi, dal mitico Arlecchino servitore di due Padroni ,alla Medea con Franco Branciaroli nel ruolo di Medea. C’è stato il periodo con i più importanti musical internazionali come Evita , Jesus Christ Superstar, The Rocky Horror Show ,Hair e alla grande commedia musicale di Garinei e Giovannini. Sono stati anni decisamente importati culturalmente ,e molto seguiti dal pubblico di tutta la regione. Purtroppo negli ultimi anni la qualità del teatro ,anche a causa di una politica scellerata che non ama la cultura, è degenerata. Spettacoli scialbi interpretati da attori provenienti dalla televisione , con poca o nulla ,di esperienza sul palco . Dalla programmazione sono scomparsi autori che hanno dato lustro all’Italia in tutto il mondo .Goldoni è caduto nel dimenticatoio , così pure Pirandello . Sono sempre meno gli autori che scrivono per il teatro . Non parliamo poi degli autori stranieri . Bertold Brecht , O’Neill, Cecov e tanti altri ,la maggior parte delle nuove generazioni non sanno neanche chi sono. Io mi ritengo molto fortunato ad avere vissuto questi momenti , e mi dispiace molto , soprattutto per i giovani, che non hanno la possibilità di vedere più il Teatro con la T maiuscola.

 

 

Salvatore Caracciolohttps://www.casacaracciolo.it
Un Blog a 70 anni? Chissà quante persone si faranno questa domanda. Chi si crede di essere, diranno altri. Che presuntuoso, diranno in coro alcuni. Tranquilli, dico a tutti, non racconterò nulla, e non dirò niente su tante cose, anche se ne avrei da raccontare su molti. Continua

Articoli recenti

Categorie Popolari

Articolo precedenteIl Cinema di Alberto Moravia
Articolo successivoIl Favoloso mondo di Amelia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti