Il nuovo Trio del Delitto

-

Dopo Imma Tataranni, Lolita Lobosco, arriva, non una, ma tre nuove investigatrici. Sono Iole, la nonna, Libera la figlia, e Vittoria, la nipote, l’unica autorizzata ad indagare. Siamo a Milano. In un ex casello ferroviario vive Libera, ex proprietaria di una libreria, e oggi  creatrice di Bouquet da sposa. È vedova, il marito poliziotto è morto ucciso, vive con la figlia Vittoria che lavora nella stessa questura dove lavorava il padre. Nel vecchio casello, vive, quando non è in giro per il mondo, Iole, nonna non ancora settantenne, amante della bella vita, in ogni aspetto. Nel primo libro, La Sposa Scomparsa, l’autrice, anche giornalista televisiva, Rosa Teruzzi, ci presenta i personaggi, che nonostante  non hanno alcuna autorizzazione, tolta evidentemente Vittoria, indagano sulla scomparsa di una giovane donna, avvenuta 26 anni prima. Ovviamente ci sono altri personaggi che troveremo egli altri libri. In totale, per il momento, sono cinque. Gli altri  sono La Fioraia del Giambellino, Non si uccide per Amore, Ultimo  Tango all’Ortica, La Memoria del Lago. Non è la prima volta che i familiari di un poliziotto o carabiniere si occupano e aiutano a risolvore  i casi al posto del parente abilitato. Ricordiamo il grande Nino Manfredi, in Linda e il Brigadiere, dove interpretava il padre della carabiniera  Claudia Koll. Oppure Valeria Valeri  che era la zia dell’ispettrice Lara Rubino, interpretata da Roberta Giarrusso nella serie Il Commissario Manara interpretato da Giulio Caprino. La figura della nonna Iole è strepitosa, preferisce compagnie maschili più giovani e fuma sigarette che lei dice sono indiane. Libera la madre è una sorta di Jessica Rabbit, che grazie ad un articolo sul Corriere della Sera, dove una nota conduttrice, loda i suoi bouquet da sposa, diventa molto ricercata. È combattuta tra due uomini. Come andrà a finire? Lo scopriremo leggendo. Mi auguro che qualcuno in RAI scopra questi libri. Sarebbe una bella serie. 

Salvatore Caracciolohttps://www.casacaracciolo.it
Un Blog a 70 anni? Chissà quante persone si faranno questa domanda. Chi si crede di essere, diranno altri. Che presuntuoso, diranno in coro alcuni. Tranquilli, dico a tutti, non racconterò nulla, e non dirò niente su tante cose, anche se ne avrei da raccontare su molti. Continua

Articoli recenti

Categorie Popolari

Articolo precedenteAnonimi in cerca D’autore
Articolo successivoBette contro Joan

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti